Stiamo ultimando, un po’ per gioco, un libro dal titolo: Faccia da Facebook. Nazi, internettuali, pornogastrici e altre specie social.

Abbiamo individuato i 12 profili di seguito elencati: ci aiutate ad aggiungerne eventuali altri che ritenete interessanti? Se ci date il vostro contributo di riflessione lo fotografiamo e lo inseriamo nel nostro libro per renderlo il più partecipativo possibile. Sarete anche citati espressamente a parte. Naturalmente, più siamo e meglio stiamo.

  1. La Nalfa Beta
  2. ll Tuttologo
  3. Il Complottista
  4. Il Cuoredoro
  5. Il Nazi
  6. Il Promoter
  7. Il Leone (e La Leonessa) da tastiera
  8. Il Selfie Made Man
  9. Lo “Sveglio” (Il Webete, Il Luser, L’Utonto)
  10. L’Antenato
  11. Il Pornogastrico
  12. L’Internettuale

è un gioco che stiamo giocando anche su Facebook, alla pagina Faccia da Social. Nazi, Pornogastrici e altre creature virtuali. Ecco tre esempi:

 


Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Giustizia pop: Mc Justice o Crime King, scegli il tuo fast food del crimine

next
Articolo Successivo

La legge è uguale per tutti? Certamente non tutti sono uguali

next