“Sono malato di sclerosi multipla, ho provato di tutto, niente è riuscito a far niente. Riesco a star meglio solo perché la Regione Toscana da circa due anni mi dà la marijuana che mi fa sparire completamente gli spasmi”. In occasione della Giornata mondiale della cannabis, l’ Associazione Luca Coscioni  pubblica una testimonianza inedita di Davide Trentini, il barista affetto da sclerosi multipla che ha scelto di morire in una clinica in svizzera il 13 aprile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Biotestamento, Camera approva la legge. Boldrini: “Atto di responsabilità”. Coscioni: “Ora si discuta subito al Senato

prev
Articolo Successivo

Biotestamento, primo via libera alla legge ma restano le insidie. Il radicale Cappato: “Bene, ma pericolo ritardi per obiezione”

next