Dalle cene con Nicole Minetti alle foto abbracciato a un agnellino pasquale. E’ la parabola di Silvio Berlusconi. E così tutti a preoccuparsi della sorte delle giovani pecore.

Bene, giusto. Però c’è qualcosa di stonato, forse. Premetto che chi scrive non mangia bistecche, tranne qualche rarissimo cedimento perché la carne è debole. Che spesso si sente come Merry, il personaggio della Pastorale Americana di Philip Roth, perché cammina a zig zag per timore di schiacciare perfino le formiche.

Però poi arriva Pasqua e vedi tutti preoccupati per gli agnellini, mentre nessuno si fila la notizia pubblicata dai giornali di mezzo mondo dei venti milioni di africani che rischiano di morire di fame. Oggi. Subito.

Viene da metterla insieme con i dati diffusi anche da Internazionale qualche giorno fa: ogni anno nel mondo si spendono 1.660 miliardi di euro per gli armamenti (gli Stati Uniti sono al primo posto con oltre il 30 per cento). Basterebbe un decimo di questa cifra colossale per rivolvere il problema della fame del mondo. E ancora meno per fornire un’istruzione adeguata a tutti i bambini del pianeta. Ormai non ne parliamo più. L’abbiamo accettato.

Se vai a vedere su siti e social trovi molta più preoccupazione per la sorte dei cuccioli di pecora che per quella dei cuccioli di uomo. Bè, sì, allora preoccupiamoci degli agnellini. Ma prima magari dei bambini.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

TEDxRoma 2017, Tanta Emergenza Democratica? Non è certo un futuro in cui rilassarsi

next
Articolo Successivo

Killer di Budrio, la fame del bandito in fuga e la sete di sicurezza di tutti noi

next