Davide Trentini, barista 53enne affetto da sclerosi multipla, ha scelto di morire in Svizzera alle 9 del 13 aprile. L’annuncio è arrivato dall’account Twitter Eutanasia Legale, campagna promossa dall’associazione Luca Coscioni. “Davide ha ottenuto l’aiuto medico alla morte volontaria nel rispetto della legge Svizzera, sono state le poche parole affidate alla rete. “Grazie per aver reso pubblico quello che in Italia è illegale, e quindi clandestino”, hanno rilanciato su Facebook. Il secondo messaggio è stato quello dell’esponente radicale Marco Cappato: “Ciao Davide, è stato un dovere aiutarti”. Ad accompagnare Davide oltre confine è stata nelle scorse ore Mina Welby che è poi intervenuta su Radio Radicale per dare l’annuncio del decesso.

La vedova di Piergiorgio Welby e copresidente dell’associazione Coscioni, nelle scorse ore aveva voluto spiegare le ragioni della sua scelta con un video pubblicato su Facebook: “Nella settimana prima di Pasqua io, da cristiana”, ha dichiarato, “volevo aiutare fattivamente una persona in grandissima sofferenza a ottenere una morte liberamente scelta a causa di sofferenze insopportabili. Il viaggio dalla Toscana alla Svizzera è stata per Davide una via crucis”. Il barista 53enne prima di morire ha voluto raccontare la sua condizione in una lettera, pubblicata da ilfattoquotidiano.it: “Le ho provate proprio tutte”, si legge. “Ero alto un metro e novantadue e adesso sono diventato uno sgorbio con le gambe lunghe, gobbo fino quasi in terra, ma soprattutto dolori lancinanti e veramente insopportabili h24. Ormai passo tutti i giorni, ma proprio tutti, o in bagno sul water, o sul letto in qualche maniera, con la pasticca a base di oppio per cercare di calmare i dolori”.

Solo a febbraio scorso era stato Cappato ad accompagnare dj Fabiano Antoniani, alias dj Fabo, nello stesso tragitto. La sua morte volontaria aveva fatto molto discutere, tanto da spingere il mondo della politica a chiedere una legge sul Biotestamento in tempi brevi. Un mese e mezzo dopo, il testo è ancora arenato a Montecitorio e la sua discussione ripartirà solo dopo le pausa per le vacanze di Pasqua.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Suicidio assistito, l’ultimo messaggio di Davide: “Auguro a tutti salute e serenità”

prev
Articolo Successivo

Suicidio assistito, Davide dalla clinica svizzera: “Adesso basta dolore”

next