Una donna è sotto inchiesta dopo aver filmato la cameriera al posto di salvarla. E’ succeso in Kuwait, lo scorso 30 marzo. La domestica, etiope, era appesa all’esterno della finestra del settimo piano e chiedeva aiuto, la padrona di casa ha scelto di filmare (e poi pubblicare) la scena con il cellulare “per evitare che qualcuno potesse accusarla di omicidio”.

La padrona di casa urla alla donna in difficoltà: “Torna indietro, pazza”, l’altra risponde con un grido d’aiuto disperato: “Reggimi! Reggimi!”. La donna etiope, sfinita, ha poi perso la presa, compiendo un volo di venti metri. La caduta è stata attutita da una lamiera e l’etiope è sopravvissuta, procurandosi fratture e lesioni minori. La kuwaitina è stata arrestata il giorno stesso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

A passeggio sospeso nel vuoto. L’impresa (estrema) del funambolo vi lascerà senza fiato

prev
Articolo Successivo

San Pietroburgo, 3 fermi: “Avevano avuto contatti con Jalilov”. Investigatori: “Forse attentatore kamikaze a sua insaputa”

next