La polizia ha diffuso una parte delle intercettazioni riguardanti i 4 kosovari bloccati nella notte scorsa, perché ritenuti parte di una cellula jihadista a Venezia: tre persone arrestate e un minore fermato.  Nelle registrazioni degli inquirenti i kosovari parlano di un possibile attentato al ponte di Rialto: “A Venezia guadagni subito il paradiso per quanti miscredenti ci sono qua. Metti una bomba a Rialto“. Secondo i magistrati, i 4 avevano esultato per l’attentato a Londra ed erano impegnati “in una vera e propria attività di autoaddestramento per prepararsi a compiere attività criminale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, il piano di Colomban per le società partecipate: “Via 9 su 21”. Incognita Multiservizi: oggi il sit-in in Comune

next
Articolo Successivo

Alatri, il presunto assassino andava aiutato perché tossicodipendente

next