“Se mi chiedi qual è il posto migliore del mondo per crescere i tuoi figli ti dico senza dubbio qui, la Nuova Zelanda”. Daniela Burlando e suo marito vivono da cinque anni a Nelson, nell’isola meridionale. Lei ha lasciato il suo lavoro in banca a Genova, lui ha rimesso le quote del ristorante che gestiva con altri soci. Oggi curano il marchio ‘Gelato Roma’, puntando sulla qualità del prodotto artigianale. E hanno l’obiettivo di espandersi in tutto il Paese: “Questo è il nostro paradiso in terra”, dicono.

La decisione di trasferirsi all’estero arriva nel 2012: “Avevo un lavoro ambito da molti, e molti mi consideravano già sistemata secondo i canoni tradizionali”, racconta Daniela. In realtà, per fare carriera avrebbe dovuto dedicarsi esclusivamente al suo impiego: “Invece di lavorare per qualcun altro, preferivo però dedicarmi alla mia famiglia – spiega – Non è stato facile lasciare un contratto a tempo indeterminato, ma non volevamo crescere i nostri bambini in un contesto socio-politico come quello italiano”.

“Non volevamo crescere i nostri bambini in un contesto socio-politico come quello italiano”

Nei primi mesi dopo il trasferimento Daniela ha dato vita ad un’attività tutta sua, aiutando giovani italiani interessati a studiare in Nuova Zelanda. Suo marito, Yuri, invece, ha rilevato una gelateria nell’unico centro commerciale della città. Per 3 anni Daniela ha anche aiutato suo marito nell’attività con la parte amministrativa. Poi, la decisione di avviare un nuovo progetto: “Abbiamo spostato la produzione in un laboratorio esterno al centro commerciale con l’obiettivo di creare un marchio di qualità da presentare a rivenditori e cafè della Nuova Zelanda”. La maggior parte dei produttori, infatti, importa preparati industriali dall’Italia, mescolandoli poi con il latte. “Noi invece abbiamo deciso di puntare sui prodotti freschi e locali, dalla frutta, alle nocciole fino alla cioccolata”.

Daniela e Yuri hanno già posizionato diversi display nelle maggiori città del Paese, hanno contatti con numerosi rivenditori e hanno avviato la produzione nel laboratorio, dove al momento lavorano altri due soci. “Ma stiamo pensando anche a migliorare la comunicazione con i social media e valutiamo l’idea di un franchising per espanderci ulteriormente”. La Nuova Zelanda è comunque un Paese particolare, dove non ci sono treni e per raggiungere le altre città e “spesso sei costretto a prendere l’aereo”, racconta Daniela. I neozelandesi, quattro milioni in un territorio grande poco meno dell’Italia, sono tra i maggiori consumatori di gelato al mondo. “L’obiettivo è educare al consumo di un prodotto artigianale e non di un frozen industriale”, continua.

“In Italia la burocrazia è ben oltre ogni ragionevole comprensione”

Fare business in Italia e Nuova Zelanda è totalmente diverso. Uno dei motivi determinanti per trasferirsi all’estero è stato proprio il “voler sfuggire dal livello di stress che caratterizzava la nostra vita”, racconta Yuri. “Chiunque possiede una piccola azienda in Italia sa di cosa parlo: tutto è difficile, snervante. Le tasse ti massacrano e la burocrazia è ben oltre ogni ragionevole comprensione”. Anche il sistema scolastico è diverso. “Qui c’è un approccio meno accademico, i bambini sono più indipendenti e le strutture sono straordinarie – aggiunge Yuri – Mentre in Italia la società è adulto-centrica (e i piccoli sono costretti e seguire gli adulti in quello che fanno) qui in Nuova Zelanda i bambini sono il centro della vita sociale”. Senza contare le attività outdoor e i campi da calcio, tennis e rugby completamente gratuiti in città.

E il costo della vita? In genere gli affitti sono più cari rispetto all’Italia. Ma quella neozelandese è una società meno consumistica: non esistono spiagge private, le attività sono facilmente accessibili a tutti e non si usa cenare spesso fuori. Lo stile di vita, insomma, è più semplice e rilassato. Sveglia alle 5,30 del mattino, un’ora di sport, prima di accompagnare i bimbi a scuola e di mettersi al lavoro. Poi, nel pomeriggio, si portano i ragazzi alle varie attività extrascolastiche: sport, musica, eventi. Dopo i compiti e la cena, alle 8:30 i piccoli sono già a letto, “e noi grandi possiamo trovare un po’ di spazio per noi, o per continuare a lavorare, quando serve”.

“Chiunque possiede una piccola azienda in Italia sa di cosa parlo: tutto è difficile, snervante”

Il loro progetto, spiegano, “è far crescere l’azienda” e, aggiungono, “abbiamo propositi di espansione a livello nazionale”. L’Italia manca, così come la famiglia e gli affetti: “Torniamo ogni due anni per stare con loro”. Al momento, però, Daniela non rientrerebbe in pianta stabile: “In Nuova Zelanda possiamo avere successo senza dover annullare la nostra vita – conclude – Questa chance per noi non ha prezzo. Quindi, per un po’ resteremo ancora qui”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Dopo l’Olanda e la Svizzera torno in Italia come mamma ricercatrice. Farò di tutto per rimanere”

next
Articolo Successivo

“Italia malata di gerontocrazia. In Arizona sono stato assunto e ora ho ferie e benefit”

next