“L’inchiesta Consip? Una puttanata inventata da Woodcock, un modo per creare problemi a Renzi su una questione assurda. La legge sul traffico di influenze è una delle tante leggi di merda. Vadano a fare in culo!”. È questo il giudizio (parecchio colorito) del professor Vittorio Sgarbi, che ai microfoni di ECG regione Lazio su Radio Cusano Campus ha parlato dello scandalo che sta mettendo in difficoltà l’ex presidente del Consiglio insieme al suo entourage del ‘Giglio Magico‘ . “Se voi chiedete un favore a me e io ho il potere di aiutarmi sarebbe traffico di influenze? Se quello ha preso dei soldi, ammesso che ciò sia avvenuto, per una mediazione, per una questione privata, non si vede dove sia il reato. Traffico di influenze, solo i coglioni che stanno in Parlamento che sono sempre lì a votare cavolate potevano inventarsi una cosa del genere. È un mondo di pazzi! Soltanto a pensarci mi viene malinconia”. Poco tenero anche il giudizio su Beppe Grillo, dopo il botta e risposta tra il leader del M5S e l’ex premier, accusato di aver rottamato il padre coinvolto nell’inchiesta. “Non poteva fare di meglio Renzi rispetto a suo padre che difenderlo come lo ha difeso. Grillo è una gaffe quotidiana, uno che la mattina dice che è contro lo stadio e alla sera la sua cameriera dice che si può fare. Sono dei buffoni, quello non ha parole, non ha faccia, non ha idea. Grillo dice una cosa e dopo tre ore è vero il contrario. Il mio obiettivo è smantellare il più possibile questo movimento di nulla. È evidente che la Raggi è peggio di Marino e di Alemanno. È peggio di qualunque cosa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primarie Pd, Andrea Orlando canta Zingara a Radio Rock: “Premonizione? Diventerò segretario”

next
Articolo Successivo

Pd, Sala: “Segretario e premier non siano la stessa figura. Renzi? Da lui ci aspettiamo un cambiamento”

next