“Riconosciamo i meriti di Renzi e la sua capacità e volontà riformista. Però è chiaro che ci attendiamo un cambiamento e se questo arriverà credo che saranno in tanti disponibili a supportarlo. Però il cambiamento deve essere mostrato”. Lo ha spiegato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, a margine della visita della commissione parlamentare di inchiesta sulle periferie al quartiere Mazzini e alla Cascina Nosedo nella periferia milanese. “Un punto che condividiamo io e il presidente del Piemonte, Sergio Chiamparino – ha proseguito Sala – è che non riteniamo sia così necessario che il segretario del Pd e il premier siano la stessa figura. Chiamparino è organico al Pd, io ovviamente no, né lo diventerò durante il mio mandato però è il mio partito di riferimento e ritengo che all’ interno del Pd ci sia molto da fare e meriti un’attenzione particolare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Consip, Sgarbi senza freni: “Inchiesta inventata da Woodcock per dare fastidio a Renzi. Grillo? Buffone, fa una gaffe al giorno”

prev
Articolo Successivo

Banche, Boccia (Pd) vs Velardi: “Grazie al tuo amico Renzi alcune persone hanno perso tutto”. “Falso. Io ti distruggo”

next