Dopo le palme, arrivano 40 banani in Piazza Duomo. Gli operai sono al lavoro da questa mattina, nelle aiuole alle spalle del monumento equestre dedicato a Vittorio Emanuele II, per piantarli, in modo da completare il giardino progettato dalla multinazionale del caffè Starbucks. La società, che nel 2018 arriverà a Milano con il primo store, infatti ha vinto il bando del Comune per la realizzazione e la cura delle aiuole. Un progetto aspramente contestato da esponenti politici, in particolare di centrodestra, e da quella parte dei cittadini che non ama vendere piante esotiche nella piazza principale della città, che peraltro alcuni vandali hanno dato alle fiamme nei giorni scorsi. E anche oggi proseguono le critiche.

“Dopo le palme, stanotte in piazza Duomo sono stati piantati i banani. Non ho parole. Nessuno se la deve prendere con le piante, non hanno colpa: i cretini sono gli ‘esseri umani’ che hanno deciso e permesso questo scempio”, ha scritto su Facebook Matteo Salvini, segretario della Lega nord. Ancora più duro il capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione Lombardia, Riccardo De Corato, che con l’arrivo delle nuove piante parla di “africanizzazione completata”. “Dopo le palme, spuntano anche i banani: quale altra cattedrale europea – chiede è stata violentata in questo modo? E la Giunta non tiri fuori il discorso dell’Ottocento perché era un contesto completamente diverso (nelle aiuole della piazza c’erano piante esotiche e palme, ndr) e perché Milano deve guardare avanti e non indietro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Taxi vs Uber, servizi a confronto. Una corsa sulla stessa tratta: quali sono le differenze?

prev
Articolo Successivo

Smog a Milano, il blocco del traffico è una soluzione miope

next