“Sarah ha ricevuto giustizia“. Così il fratello della giovane vittima, Claudio Scazzi, ha commentato la sentenza di ergastolo per la zia e la cugina, definendola “equilibrata, giunta dopo un lavoro durato tanti anni, di persone fortemente motivate”. Il Paese, ha aggiunto, “deve ringraziare chi ha lavorato a questo caso. In Italia la giustizia c’è. Mamma è giù, è stata informata, condivide questo pensiero, anche lei si è sempre affidata alla Procura” ha concluso.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo, chiuso ‘per sicurezza’ il castello di Maredolce. Ma è una scusa

next
Articolo Successivo

Taxi, tensione con la polizia e lanci di oggetti contro la sede Pd a Roma: “Buffoni”

next