Michele Emiliano si candida alla segreteria del Pd. Dopo averlo annunciato intervenendo alla Direzione del partito a Roma, esce da un’uscita secondaria e manda un bacio ad una cronista, allontanandosi dal ‘Nazareno‘ al bordo della sua auto. Poco dopo raggiunto da alcuni cronisti, spiega le ragioni che lo hanno portato ad abbandonare l’idea di uscire dal partito assieme alla minoranza dem: “Non ho cambiato idea, quando abbiamo deciso fino in fondo qual’era secondo noi la soluzione più giusta, l’abbiamo presentata, punto”. Rossi e Speranza? “Io mi auguro che entrambi rimangano nel partito – afferma Emiliano – e lottino assieme a me contro la segreteria uscente per il cambiamento del Partito Democratico e semmai dovessi avere un ruolo, cercherò di riportarli dentro il Pd, qualora decideranno di star fuori – continua il Presidente della Regione Puglia – e se decideranno di star dentro, sono a loro disposizione per portare insieme la nostra sfida a Renzi. I nostri rapporti sono ottimi, perché stamattina eravamo insieme per decidere cosa fare e ciascuno ha detto cosa avrebbe fatto. Loro – annuncia Emiliano – non hanno ancora deciso cosa fare: stanno aspettando di conoscere se viene loro concessa una data più in là. Io che ho capito – conclude – che il giochino di Renzi è quello di non farci giocare neanche, perché vuole andarsene col pallone, ho detto allora giochiamo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scissione Pd, Rossi conferma l’addio: “Io tradito da Emiliano? No comment, sono sereno e non cambio idea”

prev
Articolo Successivo

Discarica Bussi, D’Alfonso non risponde a consigliere M5S: “Il Fatto? Non lo leggo e non lo leggerò mai”

next