Febbraio non è ancora finito e Torino ha già superato il limite giornaliero di polveri sottili per 36 giorni, ovvero un giorno in più del massimo previsto per tutto il 2017. Anche dalla Commissione europea arriva l’esortazione a risolvere il problema dell’inquinamento: nel 2016 sono state 33 le città italiane a risultare “fuorilegge” per quanto riguarda i limiti giornalieri di PM10. Torino, la prima in classifica, ha registrato ben 89 superamenti. L’associazione Legambiente ha pubblicato il dossier Mal’Aria 2017 in cui propone 10 misure anti-smog per arginare il problema, riassunte qui da Lifegate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Discarica Bussi, la corte d’Appello: “Ci fu avvelenamento colposo della acque”. Dieci condanne: 2 e 3 anni per disastro

next
Articolo Successivo

Cosa insegna all’Italia la crisi della diga più alta degli Stati Uniti

next