“Le risorse per l’occupazione giovanile sono quindici volte più basse delle risorse della collettività usate per ricapitalizzare Mps. Il Parlamento ha votato per non pubblicare le liste dei debitori, dei ricchi signori che hanno preso i soldi e non li hanno restituiti. Anche il mio partito, di cui ho la tessera in tasca, ha votato. E lo dico con un certo sentimento di vergogna” afferma  Massimo D’Alema, esponente del Pd con un piede già fuori dal partito, al seminario di alta formazione per i giovani, organizzato da fondazione Nenni, la fondazione Feps (di cui D’Alema è presidente), Uil e Forum Nazionale Giovani e patrocinato da Pse e Ces.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, l’assessora Cocco cede e pubblica i redditi: 224mila euro, azioni Microsoft per 38mila dollari e tre immobili

next
Articolo Successivo

Populisti e bugie, pasti gratis per tutti!

next