Due nuovi casi di meningite batterica a Milano. Una donna di 49 anni è morta la notte scorsa all’ospedale San Raffaele di Milano, mentre una bambina di 7 mesi è ricoverata da mercoledì all’ospedale Buzzi. La piccola è figlia di una famiglia rumena, non è iscritta al Servizio sanitario regionale e non è mai stata vaccinata. A comunicarlo è stato l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera. Sempre a Milano per via della meningite sono morte due studentesse dell’Università statale: la prima a luglio, la seconda a dicembre. Entrambe contagiate da un batterio del ceppo di meningococco di tipo C.

La donna, residente a Truccazzano, è morta nella notte tra mercoledì e giovedì “per sepsi meningococcica”, come si legge nella nota pubblicata da Gallera. Era stata ricoverata al San Raffaele il 14 febbraio già in gravi condizioni. “Non abbiamo ancora notizia del ceppo di meningococco che ne ha causato la morte, gli esami sono ancora in corso”, ha spiegato l’assessore. “La donna – ha aggiunto – lavorava presso un’ azienda della provincia di Monza e Brianza, pertanto il personale del Servizio di Igiene Pubblica di Ats Città Metropolitana di Milano sta mettendo in atto tutti gli interventi di profilassi necessari in stretta collaborazione con Ats Brianza”. E infatti “la profilassi antibiotica è già stata attivata nei confronti dei famigliari e dei contatti stretti”.

È di mercoledì invece il ricovero di una bambina di 7 mesi in un altro ospedale milanese, il Buzzi. Anche per lei, informa Gallera, “è stata confermata una infezione meningococcica”. “Le sue condizioni cliniche sono attualmente ancora critiche“, aggiunge l’assessore, specificando come anche in questo caso si stai eseguendo la profilassi di famigliari e parenti”. La bambina “non è iscritta al Ssr, non ha un pediatra di libera scelta e non ha fatto nessuna vaccinazione”. “Si tratta di una famiglia romena – ha concluso Gallera – che vive in un appartamento, nella quale non sono emerse evidenti situazioni di trascuratezza, ma di fragilità sociale”.

In ogni caso, la piccola non avrebbe potuto essere vaccinata per la meningite. Infatti il nuovo Piano vaccinale prevede il vaccino gratuito anti-meningococco B già a 3 mesi, ma è stato introdotto il 13 gennaio scorso. In quel momento la bambina aveva già più di 5 mesi. Il vaccino gratuito per il meningococco di tipo C è da sempre previsto invece al compimento dell’anno di età, come si legge nella scheda informativa della Regione Lombardia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Viareggio, al Carnevale debuttano Virginia Raggi e Luigi Di Maio. Ma la vera star è un’altra

next
Articolo Successivo

Ingv, in 24 ore si dimettono i vertici della rete sismica nazionale: “Insufficienze ed eccessivo sfruttamento”

next