In Thailandia un turista ha provato ad avvicinarsi a un elefante per lavargli la proboscide, ma lui non ha gradito per niente e lo ha scaraventato in aria. L’incidente, che non ha avuto conseguenze gravi per la donna, è avvenuto lungo le riva di un fiume in Thailandia. In tutto il paese esistono numerosi parchi e santuari che offrono ai turisti la possibilità di fare delle attività con questi grandi animali, ma non mancano casi di maltrattamenti e torture.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tutti contro uno: così lo stormo inganna il falco pellegrino. La lotta per la sopravvivenza è una danza meravigliosa

prev
Articolo Successivo

Tanto cibo e poco movimento: le tigri nello zoo sono irriconoscibili. Le immagini fanno insorgere gli animalisti

next