“25 anni dopo le inchieste di Mani Pulite l’Italia resta un paese ad altissimo tasso di corruzione. E dei politici e degli imprenditori coinvolti nello scandalo se ne sono andati solo quelli che sono usciti di scena per ragioni anagrafiche”. Secondo Gianni Barbacetto, giornalista del Fatto Quotidiano, è questa l’eredità rimasta al nostro paese dagli anni di Tangentopoli . “Dal ’92 in poi si è affermata una narrazione di quel periodo che è falsa – ha continuato il giornalista intervenuto a un incontro per il 25° anniversario di Mani Pulite tenutosi al Palazzo di Giustizia di Milano e organizzato dall’associazione Themis & Metis – E’ stato detto di tutto: che c’è stato un utilizzo smodato della custodia cautelare, che li torturavano per parlare, che è stata un’operazione politica per fare crollare la Prima Repubblica o addirittura un grande complotto della Cia. Questo ci impedisce di fare i conti i con quel sistema di corruzione. La speranza di una politica pulita che c’era 25 anni fa oggi è più debole di allora”. All’incontro, oltre a Barbacetto, hanno partecipato Antonio Di Pietro e Piercamillo Davigo – magistrati del pool di Mani Pulite, Alfonso Bonafede – deputato del Movimento 5 Stelle, Gian Antonio Girelli – Pres. comm. antimafia Lombardia e Claudio Mario Grossi – Docente di finanza all’Università Cattolica di Milano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Anniversario Mani Pulite, Di Pietro: “I politici corrotti erano considerati ladri, oggi non è più così”

next
Articolo Successivo

Mastella, pm chiede 2 anni e 8 mesi. Per quell’indagine il leader Udeur fece cadere Prodi

next