È diventato noto quando ha cominciato a radunare i suoi fedeli, in chiesa, per leggere i nomi di tutti i morti di cancro della città, compresi di età e tipo di patologia. Un rituale che ha fatto di Augusta la Spoon River di Sicilia.  “Qui sta accadendo uno dei peggiori disastri ambientali della storia d’Europa, perché il caso Augusta è un unicum in Europa”,  dice padre Palmiro Prisutto, il sacerdote che tre anni fa ha iniziato a raccogliere nomi e cognomi, creando un vero e proprio registro parallelo dei tumori.

Quello che si trova in provincia di Siracusa, infatti, è polo petrolchimico più grande dell’Europa meridionale. Qui – al centro del triangolo della morte tra Priolo e Melilli – il tasso di mortalità per tumori è superiore al 30%, i bambini nascono malformati e la patologia più diffusa è il tumore al polmone. Chiunque, ad Augusta, ha perso qualcuno a causa di un tumore. “È un genocidio – diceva il sacerdote al nostro giornale – Il registro ufficiale dell’Asp? È un oggetto misterioso, nessuno riesce ad averlo: sappiamo solo che è aggiornato al 2006”. I dati raccolti da don Prisutto sono stati acquisiti dalla procura di Siracusa che ha aperto un fascicolo sulla questione.

Una storia raccontata dalle inchieste del ilfattoquotidiano.it (leggi) che adesso è diventata un documentario. S’intitola Venerdanda Augusta e a realizzarlo è il regista siciliano Francesco Cannavà. Il documentario – di cui pubblichiamo il trailer in esclusiva – è coprodotto dalla 8 Road Film e da Recplay (produttori: Francesco Cannavà, Vincenzo De Marco, Renata Giuliano, Roberta Putignano e Vanessa Zerda) e sarà presentato al Mercato internazionale del cortometraggio di Clermont Ferrand, in Francia. “Qui – racconta Prisutto davanti alla telecamera -abbiamo una concentrazione industriale che non è presente altrove, ci sono 190 punti d’emissione che non sono facile da controllare: per cui qui non si capisce mai da dove viene l’inquinamento. Né chi ne è responsabile”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo, cardellini in gabbie anguste e sporche al mercatino di Ballarò. Liberati 300 uccelli

next
Articolo Successivo

Disastri naturali e danni economici, quanto costano le catastrofi nel mondo

next