Beppe Grillo non vuole i capilista bloccati? Allora fa finta, non è vero che vuole andare a votare subito”. Al Nazareno, sede del Partito democratico, è il presidente dem Matteo Orfini a replicare al leader del Movimento 5 Stelle. Mentre i pentastellati intendono “applicare il Legalicum” (l’Italicum corretto dalla Consulta, ndr) anche al Senato, per accelerare le urne, ma eliminando la norma che lascia ai partiti la scelta dei capilista, Orfini risponde: “Noi abbiamo accolto da soli l’invito del capo dello Stato Mattarella per rendere omogenee le leggi elettorali, ma tutti ci hanno risposto di no. L’unica proposta realistica è quella di estendere la legge uscita dalla Corte costituzionale anche al Senato. Altrimenti si discute di un’altra legge elettorale. Ma evidentemente, tra veti e controveti, si inizia una discussione in cui non se ne esce più”, ha replicato il presidente dem ai microfoni de Ilfattoquotidiano.it. Per poi invitare al “voto utile”: Da irresponsabili tornare al voto in queste condizioni, con il rischio che non ci sia maggioranza dopo le urne? E chi lo dice. Basta prendere il 40%. Gli italiani vorranno evitare il rischio ingovernabilità e concentreranno i loro voti sulle forze maggiori”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, Orfini: “Voto subito? Facciamo le primarie. Con le minacce Bersani distrugge il partito”

prev
Articolo Successivo

Renzi ha un problema: l’Ulivo 2.0 di D’Alema e Bersani è una cosa seria. “Se non apre al dialogo finiranno lui e il Pd”

next