Tre piazze di spaccio nella zona di Lamezia Terme. La rete del traffico e dello spaccio di droga gestito dalla cosca CerraTorcasioGualtieri è stata smantellata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro. Sono 47 gli arresti eseguiti stamattina dal Nucleo investigativo dei carabinieri su richiesta del gip che ha firmato l’ordinanza di custodia custodia cautelare.

Il blitz è scattato all’alba nel territorio di Lamezia Ter­me, a San Luca in provincia di Reggio Calabria e a Bari. In carcere sono finiti 24 soggetti ritenuti affiliati alla famiglia mafiosa mentre altri 23 è stato concesso il beneficio deg­li arresti domiciliar­i. Per tutti l’accusa è di associazione a delinquere finalizz­ata al traffico illec­ito di stupefacenti con­ l’aggravante delle f­inalità mafiose. Coordinati dal procuratore Nicola Gratteri, i carabinieri sono riusciti a documentare l’esistenza di tre pi­azze di spaccio nella zona di Lamezia Terme, tutte gesti­te dalla cosca che utilizzava i ricavi della droga anche per­ il sostentamento dei detenuti del clan ­e delle relative famigl­ie. Una rete di trafficante capace di muoversi anche in altre città italiane.

Grazie alle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, alle intercettazioni telefoniche e all’attività di indagine classica i pm di Catanzaro hanno chiesto e ottenuto dal giudice per le indagini preliminari l’arresto degli esponenti di vertice dei Torcasio – Gualtieri, gli stessi che da decenni condizionano le attività commerciali di tutta la piana di Lamezia Terme teatro in passato di una feroce faida contro la cosca Giampà.
L’inchiesta avrebbe accertato, inoltre, i contatti tra le consorterie del lametino con le più blasonate famiglie mafiose della Locride e di San Luca da sempre punto di riferimento per il traffico di droga.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, arrestato il latitante Antonino Pesce. Ai carabinieri: “Vi è arrivata la chiamata?”

prev
Articolo Successivo

Trattativa Stato-mafia, Salvatore Borsellino: “Riina? Da lui non ci si può aspettare la verità”

next