Le Lucky Strike e le Camel finiscono sotto lo stesso ombrello societario. British American Tobacco ha messo sul piatto 49,4 miliardi di dollari per conquistare il controllo della rivale statunitense Reynolds, di cui aveva già il 42%, creando il maggiore gruppo mondiale del settore. La società britannica aveva presentato un’offerta per il 57,8% del capitale ancora non in suo possesso già lo scorso autunno. Reynolds, in novembre, aveva rifiutato. Ora Bat ha rilanciato, incrementando il corrispettivo proposto da 56,5 a 59,64 dollari per azione tra cash e azioni proprie.

La fusione dovrebbe permettere a Bat, che controlla 200 marchi tra cui Dunhill, Kent, Pall Mall e Rothmans, di diventare leder del tabacco negli Stati Uniti, dove Reynolds è attualmente numero due, e far fronte al progressivo calo della domanda. Non solo: l’operazione la fa anche entrare di prepotenza nel mercato Usa delle sigarette elettroniche, su cui Reynolds – nata nel 1875 – ha puntato negli ultimi anni. Inoltre l’integrazione, secondo la società statunitense, consentirà 400 milioni di dollari di risparmi sui costi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fca, Delrio a Germania e Ue: “Non si danno ordini a un paese sovrano per le campagne elettorali”

prev
Articolo Successivo

Conti pubblici, lettera della Ue all’Italia: “Serve aggiustamento da 3,4 miliardi”. Tesoro: “Giustificheremo scostamento”

next