Julian Assange accettera l’estradizione negli Stati Uniti se Barack Obama concederà la grazia a Chelsea Manning. Lo scrive WikiLeaks sul suo account Twitter. Un annuncio che segue, a distanza di 24 ore, l’appello rivolto al presidente uscente da Edward Snowden per la clemenza nei confronti di Chelsea Manning, all’anagrafe Bradley Manning, il soldato transgender che sta scontando dal 2010 una pena di 35 anni nel carcere militare di Fort Leavenworth negli Usa, per aver rivelato informazioni segrete sia militari che diplomatiche tramite il sito di Assange.

L’annuncio del patron di WikiLeaks rappresenta un colpo di scena. Dal 2012 rifugiato presso l’ambasciata dell’Ecuador a Londra e considerato nemico pubblico degli Stati Uniti per le sue rivelazioni, Assange è indagato dalla Svezia per stupro e abusi sessuali. A novembre i procuratori di Stoccolma lo hanno interrogato in ambasciata e Assange ha pubblicato online la deposizione nella quale si dichiara del “tutto innocente” e afferma di essere stato sottoposto a un trattamento “crudele, disumano e degradante”.

Dopo essere entrato a gamba tesa nelle elezioni presidenziali americane pubblicando su WikiLeaks mail di Hillary Clinton, del suo staff e del Partito democratico, due giorni fa è di nuovo intervenuto pesantemente nel dibattito pubblico americano definendo l’ultimo rapporto degli 007 Usa che vuole dimostrare l’interferenza della Russia nelle elezioni americane “piuttosto imbarazzante per la reputazione dei servizi di intelligence” di Washington.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ungheria, sgambettò migranti in fuga: giornalista condannata a tre anni

next
Articolo Successivo

Dà fuoco alla moglie dopo aver firmato i documenti per il divorzio. Soccorsa con l’estintore

next