Nel terzo trimestre del 2016 la pressione fiscale in Italia è stata pari al 40,8%, facendo segnare una riduzione di 0,2 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Lo rileva l’Istat nella nota sui conti trimestrali delle amministrazioni pubbliche, da cui emerge anche che il potere d’acquisto delle famiglie è aumentato dello 0,1% rispetto ai tre mesi precedenti. I consumi risultano in progresso dello 0,3% sui tre mesi precedenti. E’ scesa invece di 0,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente (+0,6% rispetto allo stesso periodo del 2015) la propensione al risparmio, pari al 9,3%.

Nello stesso trimestre l’indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche in rapporto al pil è stato pari al 2,1%, in peggioramento di 0,1 punti rispetto al 2015. Il saldo primario della pa, vale a dire l’indebitamento al netto degli interessi passivi sul debito, è risultato positivo, con un’incidenza sul pil dell’1,7% contro l’1,9% nel terzo trimestre del 2015, rileva ancora l’istituto di statistica.

Il tasso di investimento delle famiglie consumatrici, che è il rapporto tra investimenti fissi nell’acquisto di abitazioni e il reddito disponibile lordo, nel terzo trimestre è stato pari al 5,9%, risultando invariato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Monte dei Paschi, sequestrati strumenti finanziari per 20 milioni a due ex manager nell’inchiesta sulla banda del 5%

next
Articolo Successivo

Banche, “Monte dei Paschi nel 2015 ha fatto 107 milioni di utili in paradisi fiscali. Per Veneto Banca 103 milioni in Irlanda”

next