Immagini della Polizia di Stato in cui avviene la comparazione dei proiettili sparati dalla pistola del terrorista tunisino, Anis Amri. L’arma è stata usata a Berlino per uccidere l’autista del camion della strage al mercatino di Natale e nella sparatoria con i poliziotti a Sesto San Giovanni. Sparatoria in cui Anis Amri è rimasto ucciso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terremoto, ricostruire com’era dov’era a patto di non creare città senz’anima

prev
Articolo Successivo

Terni, incinta a 12 anni dopo la violenza sessuale: arrestato un amico di famiglia

next