Ora è ufficiale, Carlos Tevez sarà il calciatore più pagato del mondo. L’attaccante argentino vola in Cina, dove lo Shanghai Shenua è pronto a versargli uno stipendio da 38 milioni di euro netti per due anni (76 milioni in tutto). Una cifra da record: Tevez verrà pagato 77 euro al minuto, più di 4mila euro ogni ora e 110mila al giorno. Il passaggio dell’Apache dal Boca Juniors al club cinese, destinato a entrare nella storia del calcio, è stato ufficializzato giovedì mattina.

Tevez compierà 33 anni il prossimo 5 febbraio ed ha alle spalle una carriera da top player. Ha giocato in Inghilterra nelle due squadre di Manchester e in Italia nella Juventus. Ha vinto Champions League, Copa Libertadores, tre campionati inglesi e due volte la Serie A, ma ha conquistato anche l’oro olimpico con la Nazionale argentina, oltre ad altri svariati trofei tra Sudamerica, Inghilterra e Italia. Dopo l’addio alla Juventus era tornato in patria, al Boca Juniors. Ora il passaggio allo Shanghai Shenua, dove guadagnerà venti volte di più. Il club cinese non ha ancora comunicato le cifre ufficiali, ma secondo la stampa locale la società verserà circa 11 milioni di euro nelle casse del Boca Juniors.

L’attaccante argentino è pronto a raggiungere i suoi nuovi compagni di squadra, tra cui gli ex Inter Guarin e Martins, ma anche molti altri giocatori che hanno scelto i soldi della ‘Super League‘ cinese a discapito di una prestigiosa carriera in Europa. L’ultimo in ordine di tempo è il centrocampista brasiliano Oscar: anche lui ha scelto lo Shanghai Shenhua e incasserà 25 milioni all’anno per quattro stagioni. Per il suo addio definitivo al Chelsea manca solo l’ufficialità. Senza dimenticare Graziano Pellé, che questa estate dopo un ottimo Europeo e due gol con la Nazionale italiana, è volato in Cina alla corte dello Shandong Luneng, dove guadagna 15 milioni di euro a stagione: 38 in due anni e mezzo di contratto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Paul Gascoigne ancora ubriaco: finisce in ospedale dopo una rissa in un hotel

prev
Articolo Successivo

Fabio Pisacane è ‘Giocatore dell’anno’ per il Guardian: dalla malattia all’esordio in A

next