Diversi tratti con corsie uniche, lavori ancora in corso, gallerie senza illuminazione. Per non parlare dei tre lotti fatti sparire dal progetto di ammodernamento (e inseriti nel piano di restyling che deve essere ancora realizzato) e dei viadotti sul fiume Mesima, tra Rosarno e Mileto, che la Procura di Vibo Valentia ha sequestrato nei mesi scorsi.

Nonostante sia migliorata (negli ultimi 10 anni), è così che si presenta la Salerno-Reggio Calabria che oggi viene inaugurata dal ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio e dal presidente dell’Anas Gianni Armani.

Una inaugurazione imposta a tutti i costi dall’ex premier Renzi che, a febbraio, aveva lanciato la data del 22 dicembre.  Tra deviazioni e cambi di carreggiata, ieri le telecamere del fattoquotidiano.it hanno percorso i tratti critici dell’A3 che ancora non sono stati appaltati.

“Io non parlerei proprio di una inaugurazione – spiega il sindacalista Antono Di Franco della Fillea-Cgil – perché la Salerno-Reggio Calabria non è finita. Ci sono dei cantieri che devono essere ancora realizzati. Che l’autostrada sia messa in sicurezza non si può dire, soprattutto nel tratto Cosenza-Altilia”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salerno-Reggio, tutto a posto? No. Gli automobilisti: “Inaugurazione? La solita cosa all’italiana”

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco telefona a Uno Mattina: “Auguro un Natale cristiano a tutti gli italiani”

next