Suo padre l’aveva capito il giorno stesso: le probabilità che Fabrizia Di Lorenzo fosse sopravvissuta alla strage di Berlino erano quasi nulle. E purtroppo oggi è arrivata la conferma ufficiale da parte del ministro degli Esteri Angelino Alfano: “La magistratura tedesca, così come ha comunicato il ministero degli Affari Esteri della Germania, ha esaurito le verifiche necessarie e purtroppo, ormai c’è la certezza che, fra le vittime, c’è l’italiana Fabrizia Di Lorenzo”. “Sono affettuosamente vicino alla famiglia e ai suoi cari, condividendone l’immenso dolore”, si legge in una nota del responsabile della Farnesina.

Anche dal Quirinale, il presidente della Repubblica Sergio Matterella esprime il proprio dolore per la morte della 31enne di Sulmona: “La notizia della identificazione di Fabrizia Di Lorenzo tra le vittime della strage di Berlino conferma i peggiori timori dei giorni scorsi. Il dolore per la sua morte è grande. Ancora una volta una nostra giovane connazionale rimane, all’estero, vittima della insensata ed esecrabile violenza del terrorismo. Esprimo ai genitori e al fratello di Fabrizia la solidarietà e la vicinanza di tutto il nostro Paese”.

“L’Italia ricorda Fabrizia Di Lorenzo, cittadina esemplare uccisa dai terroristi. Il Paese si unisce commosso al dolore della famiglia, ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La profezia di Formigoni, quando ricevette l’avviso di garanzia: “Vincerò anche questa, sarò assolto”

next
Articolo Successivo

Padova, donna denuncia il parroco: “Mi ha fatto prostituire”. Perquisita la canonica: vibratori, fruste e film hard

next