Il nome circola per ore nei corridoi e per un attimo sembra cosa fatta: l’ipotesi di affidare la delega ai Servizi segreti all’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio Luca Lotti è stata messa sul tavolo, ma subito sommersa dalle polemiche. A mettersi in allarme gli stessi dem che, secondo quanto scritto dal Fatto Quotidiano, hanno inviato un sms al presidente del Consiglio incaricato Paolo Gentiloni: “Spero non ti presterai a questa vergogna”. Ad andare all’attacco pubblicamente ci hanno pensato i parlamentari 5 stelle: “Sarebbe una scelta aberrante”, hanno detto. Poi il presidente della Toscana dem Enrico Rossi: “E’ una questione seria, non mi piace”, ha commentato a Rainews24. “Penso che ai servizi segreti figure più distanti siano preferibili”. L’idea, mentre Gentiloni è a colloquio con Sergio Mattarella, sembra essere tramontata.

In un primo momento era sembrato che Lotti potesse addirittura sommare due incarichi, quello di sottosegretario e la delega ai Servizi. “Se la notizia fosse confermata”, hanno scritto in una nota i membri M5s del Copasir Vito Crimi, Bruno Marton e Angelo Tofalo, “si tratterebbe di una mossa aberrante, contro ogni equilibrio democratico, di fronte alla quale siamo pronti alle barricate”. E hanno aggiunto: “Allo stato dell’arte, nessuno può escludere che la mossa Lotti potrebbe anche essere il preludio di un ritorno di Marco Carrai, caro amico di Matteo Renzi, a guida di una sorta di Nsa all’italiana”. La preoccupazione dei 5 stelle è che “il ‘cosiddetto giglio magico’ di Renzi possa acquistare maggiori poteri”: “Del resto”, si legge, “con un premier scelto in provetta, vale a dire Gentiloni, messo lì solo per sopire il momento e le circostanze, tutto è più facile per chi vuole prendere il controllo della nostra intelligence. Finora nell’ambito del Copasir il M5s ha mantenuto un profilo di serietà istituzionale, ma – concludono i 5 Stelle – davanti a scelte come questa, ripetiamo, se dovesse essere confermata, siamo pronti a fare le barricate”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Chi scrive ‘un altro presidente del Consiglio non eletto’ vada a Scienze delle Piadine”: il post del prof universitario

next
Articolo Successivo

M5s diserta consultazioni governo. Grillo: “Loro continuano con i loro riti tristi. Noi in piazza per la democrazia”

next