Giulio Tremonti e Casapound di nuovo fianco a fianco. Ancora una volta il senatore presenterà il suo ultimo libro Mundus Furiosus, sottotitolato “Il riscatto degli Stati e la fine della lunga incertezza“. Il commercialista di Sondrio, che è già stato ospite di CasaPound a Roma, ha più volte chiarito di “andare dove mi invitano, senza discriminazioni”. Nella locandina di presentazione dell’evento, che avverrà il 16 dicembre, non viene però specificato il luogo dell’incontro, anche se potrebbe  avvenire a Milano o dintorni visto che è proprio il circolo meneghino del gruppo di estrema destra ad organizzare l’incontro.

Una reazione contro questa scelta del docente di Diritto tributario è arrivata dalla sezione dell’Anpi di Milano e provincia. Il presidente Roberto Cenati ha commentato sul sito di Repubblica: “Trovo vergognoso che un ex ministro e attuale senatore della Repubblica italiana vada a presentare i suoi libri ospite di un’associazione di militanti che si definiscono i fascisti del terzo millennio. È un modo di farsi pubblicità spregiudicato, senza rispetto per la Costituzione“. Quanto al luogo della presentazione, l’auspicio del numero uno locale dell’Associazione nazionale partigiani italiani è che “si svolga in luogo privato e non in una sede istituzionale”.

Con Tremonti interverranno anche Adriano Scianca, responsabile alla cultura di CasaPound Italia, e Angelo Perrino, direttore di affaritaliani.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo Gentiloni, il ministro scelto da Mattarella: “Stessa maggioranza, gli altri non ci stanno”. Lunedì la squadra

next
Articolo Successivo

Chiesa cattolica, così i gesuiti hanno perso il referendum

next