Aumenta il costo di raccomandate e assicurate spedite tramite Poste Italiane. L’annuncio sul sito ufficiale della società, che spiega in dettaglio come cambieranno le tariffe a partire dal 10 gennaio 2017. La classica raccomandata per l’Italia, fino a 20 grammi, passerà per esempio da 4,50 a 5 euro. Lo stesso incremento sarà applicato anche per le comunicazioni connesse alle notifiche. Aumenti anche per quelle dirette all’estero: per l’Europa e il Mediterraneo varierà da 5,59 a 6,60 euro.

Le tariffe dell’Atto Giudiziario saranno invece incrementate per tutte le unità di peso. In particolare, la tariffa per gli invii fino a 20 grammi varierà da 6,60 a 6,80 euro. Per la Posta Assicurata invece aumenteranno solo gli scaglioni di peso successivi a 20 grammi, anche per le spedizioni internazionali. Ad esempio, la tariffa per gli invii di valore fino a 50 euro e di peso da 20 a 50 grammi passerà da 6,90 a 7,25 euro. Inoltre, per quanto riguarda i servizi “Pieghi di libri” e “Pieghi di libri a tariffa ridotta editoriale”, rimarranno invariate le rispettive tariffe di recapito, ma sarà incrementato il diritto di raccomandazione da 2,35 a 3,35 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bce, piano d’acquisto di titoli di Stato prolungato di 9 mesi fino a fine 2017. Draghi: ‘Aiuto a Italia? Non sono di parte’

prev
Articolo Successivo

Istat: “Oltre 5% delle famiglie fatica a pagare affitto o mutuo”. La peggior situazione dall’inizio delle rilevazioni

next