“L’esperienza di Area popolare, forse mai decollata, si conclude qui con lo scioglimento dei gruppi e la ripresa di autonome presenze parlamentari”. Le strade di Udc (Unione dei Democratici Cristiani e di Centro) e Ncd (Nuovo centrodestra) si dividono. L’annuncio in una nota congiunta dei parlamentari di Udc e del segretario nazionale Lorenzo Cesa. Da Ap escono quindi quattro deputati, Buttiglione, Binetti, De Mita e Cera, e il senatore De Poli. Il divorzio dopo il risultato del referendum costituzionale che aveva visto i due partiti schierati su fronti contrapposti: Ncd di Angelino Alfano per il , Cesa e Udc a sostegno del No.

“L’idea di far precipitare il Paese verso il voto appare più il segno di una reazione emotiva che un disegno politico utile all’Italia. Su questo punto si segna l’ultima differenza nei confronti di Alfano”, spiegano nella nota gli esponenti dell’Udc. “In questo momento – si legge – riteniamo che in primo luogo spetti al presidente Mattarella definire percorsi e prospettive. Ci limitiamo a considerare che dopo il referendum il Paese ha bisogno con urgenza di una messa in sicurezza sociale, di interventi sul sistema creditizio a tutela dei risparmiatori e di una nuova legge elettorale a base proporzionale votata dal parlamento. E non ultimo c’è bisogno, al di là delle distinzioni sul referendum, di un lavoro di ricomposizione specie all’interno dell’area del cattolicesimo popolare e di ceti medi e popolari, che miri alla costruzione di un soggetto politico credibile”. La nota si conclude poi con l’appello “a noi stessi e a quanti, tra parlamentari e movimenti nella società civile, colgano come noi la rilevanza di questo passaggio”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Campidoglio, assessore all’Urbanistica Berdini in bilico: scontro sullo Stadio della Roma. Lui: “Non ne so niente”

prev
Articolo Successivo

Prodi: “Un parroco non deve tornare nella propria parrocchia nemmeno per confessare”

next