“Chiudiamo legge di stabilità e il decreto sui terremotati, e andiamo al voto. Non facciamo altro”. Il giorno dopo il referendum il Movimento 5 stelle preme per andare il prima possibile alle urne. Il nodo però è la legge elettorale. “L’Italicum non può essere scartato – dice Andrea Cecconi, capogruppo M5s alla Camera – è alla Consulta,che farà sicuramente dei ritocchi, togliendone i profili di incostituzionalità.   E quindi per la camera siamo a posto. Quello che dobbiamo sistemare è il Senato. Noi di sicuro non ci mettiamo al tavolo con persone che hanno sempre fatto legge elettorali contro il Movimento 5 stelle. Avete problemi al Senato? Fatevi la legge elettorale e poi andiamo al voto”. Sulla scelta del candidato premier del Movimento però non si sbilancia. “Non chiedetemi chi andrà al voto, se Luigi Di Maio o Alessandro Di Battista, perché sarà una decisione non mia ma di tutti gli iscritti. Però state tranquilli: non arriverà un post dall’alto che nominerà una persona”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum 2016, il grande No della Sardegna con il 72,22%: la spina dell’Autonomia e il nodo province

next
Articolo Successivo

Referendum 2016, “campagna per il Sì”: il Carroccio espelle il leghista “eretico”

next