“Chiudiamo legge di stabilità e il decreto sui terremotati, e andiamo al voto. Non facciamo altro”. Il giorno dopo il referendum il Movimento 5 stelle preme per andare il prima possibile alle urne. Il nodo però è la legge elettorale. “L’Italicum non può essere scartato – dice Andrea Cecconi, capogruppo M5s alla Camera – è alla Consulta,che farà sicuramente dei ritocchi, togliendone i profili di incostituzionalità.   E quindi per la camera siamo a posto. Quello che dobbiamo sistemare è il Senato. Noi di sicuro non ci mettiamo al tavolo con persone che hanno sempre fatto legge elettorali contro il Movimento 5 stelle. Avete problemi al Senato? Fatevi la legge elettorale e poi andiamo al voto”. Sulla scelta del candidato premier del Movimento però non si sbilancia. “Non chiedetemi chi andrà al voto, se Luigi Di Maio o Alessandro Di Battista, perché sarà una decisione non mia ma di tutti gli iscritti. Però state tranquilli: non arriverà un post dall’alto che nominerà una persona”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum 2016, il grande No della Sardegna con il 72,22%: la spina dell’Autonomia e il nodo province

prev
Articolo Successivo

Referendum 2016, “campagna per il Sì”: il Carroccio espelle il leghista “eretico”

next