Il Sì di Prodi al referendum? A me fa piacere. E’ un Sì critico. Le critiche fanno sempre bene. Il merito della riforma può portare delle persone, magari non concordi su tutto, a un Sì convinto“. Sono le parole del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ospite di Otto e Mezzo (La7) insieme alla direttrice del Manifesto, Norma Rangeri. Ed è proprio quest’ultima a obiettare: “Il Sì di Prodi non è affatto convinto, perché le motivazioni che lo spingono a votare per il Sì sono un meraviglioso manifesto del No. Dà un giudizio negativo della riforma, dice che, comunque andrà, avrete prodotto nel Paese una rissa a sua volta creatrice di una dannosa turbolenza anche dopo. Ha dato un giudizio molto negativo sul modo in cui è stata condotta questa campagna referendaria e ha aggiunto che “succhierà l’osso”, cioè si turerà il naso”. Renzi, poi, rispondendo a una domanda su quel che farà il suo partito nel caso il referendum costituzionale venisse bocciato, sottolinea: “Quello che farà il Pd il giorno dopo un eventuale voto negativo, lo deciderà il Pd nelle sedi stabilite”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tg Porco speciale Referendum, Guzzanti-Meloni vs Guzzanti-Boschi: “Mi mettete in imbarazzo, siete più fasci di me”

prev
Articolo Successivo

Referendum, Argentin (Pd): “Io contenta per il Sì di Prodi? Boh, a molti non piace, può farci perdere voti”

next