“Come avevo promesso e per ribadire la serietà del Movimento 5 stelle soprattutto alla vigilia di un voto cruciale per l’Italia, mi autosospendo “. Marco Piazza, vicepresidente del consiglio comunale di Bologna del Movimento 5 Stelle indagato per le presunte firme irregolari raccolte per le Regionali 2014 ha deciso di fare un passo indietro. Una decisione già anticipata lo scorso 24 novembre, quando aveva annunciato che si sarebbe autosospeso se la Procura gli avesse notificato un avviso di garanzia. E oggi mantiene la promessa, dopo aver ricevuto l’invito a comparire dalla Procura di Bologna. Tra le contestazioni a Piazza e agli altri indagati, nel fascicolo del pm Michela Guidi c’è quella di aver autenticato firme non apposte in loro presenza oppure in luogo diverso rispetto al requisito di territorialità, oppure in mancanza della qualità del pubblico ufficiale. L’indagine è nata da un esposto, del 27 ottobre 2014, di due ex militanti, Paolo Pasquino e Stefano Adani.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, costruttori edili: ‘Giunta M5S senza visione’. Assessore Berdini: ‘Città ferma’

next
Articolo Successivo

Fondi Sanità Taranto, Renzi cambia (di nuovo) versione. La colpa per i 50 milioni mancati? E’ delle regioni

next