“I ricorsi li fa chi perde e io non credo che il No perderà al referendum”. Così l’ex presidente del consiglio Massimo D’Alema, ospite a Otto e mezzo (La7), dopo la presa di posizione del presidente del comitato del No Alessandro Pace che ha sollevato dubbi sulla segretezza del voto degli italiani all’estero, specificando che se al referendum del 4 dicembre il voto degli italiani all’estero fosse decisivo ai fini del risultato e determinasse la vittoria del Sì, potrebbe decidere di impugnarlo. “Questo – afferma D’alema – sembra un dubbio preventivo, i brogli se ci sono vanno documentati. In alcuni casi il cittadino si è visto recapitare insieme la scheda elettorale e la lettera del premier, e questo lo considero un abuso, una atto molto sgradevole. Sono d’accordo sul respingere linguaggio e toni non accettabili. Io ho subìto qualche insulto. Mi si è detto che sono animato da rancore perchè non ho avuto una poltrona. Lo ha detto il presidente del Consiglio che ora non può lamentarsi di toni da rissa perchè egli ha contribuito in modo abbastanza significativo ad avvelenare il clima”. E su un confronto con Matteo Renzi spiega: “Ritengo sbagliato per me venire a fare un confronto, che sarebbe fortemente dialettico conoscendo la personalità del presidente del Consiglio e conoscendo la mia, con il segretario del mio partito. Ritengo sinceramente che il Partito Democratico sia stato già sufficientemente diviso e ferito, secondo me soprattutto per responsabilità del suo segretario”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Crozza: “Referendum? Chef Bottura lascia l’Italia se vince NO. Ha paura che, se restano, i senatori gli bruciano il ragù?”

prev
Articolo Successivo

Zucconi vs Travaglio: “Salvini che esulta mi fa venire il mal di pancia”. “Il referendum non è un’alleanza di governo”

next