Dal Veneto alla Sicilia, l’Italia si mobilita in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che ricorre il 25 novembre, con spettacoli, convegni, mostre e molto altro, durante tutta la settimana. Domani, martedì 22 novembre, alle ore 10 presso la Sala della Lupa di Palazzo Montecitorio, la presidente della Camera Laura Boldrini e la ministra per le Riforme Maria Elena Boschi introdurranno i lavori dell’incontro “Safe from fear, safe from violence – Al sicuro dalla paura, al sicuro dalla violenza” che si svolge a tre anni dalla ratifica da parte dell’Italia della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul). Mentre il 26 novembre a Roma si svolgerà la manifestazione nazionale “Non una di meno”, indetta dalla Rete IoDecido, D.i.Re – Donne in rete contro la violenza (che riunisce i Centri Antiviolenza non istituzionali e gestiti da associazioni di donne sparsi sul territorio nazionale) e Udi – Unione donne in Italia (storica associazione femminile nata tra il 1944 e il 1945 dall’esperienza dei Gruppi di Difesa della Donna, creati in supporto alla Resistenza) che partirà da piazza della Repubblica alle 14. «Non accettiamo più che la violenza condannata a parole venga più che tollerata nei fatti. Non c’è nessuno stato d’eccezione o di emergenza: il femminicidio è solo l’estrema conseguenza della cultura che lo alimenta e lo giustifica. È un fenomeno strutturale che come tale va affrontato”. Perché di femmicidio ogni giorno si continua a morire in Italia. Come è successo ieri ad Anna Manguerra ammazzata a colpi di coltello nella sua abitazione nel Trapanese dal marito, da cui si era legalmente separata. In “Ferite a morte”, il progetto teatrale sul femminicidio che Serena Dandini scrive e dirige da anni, si dà voce alle donne che hanno perso la vita per mano di un marito, un compagno, un amante o un “ex”. In questa Spoon River del femminicidio, sono loro, per una volta, a parlare in prima persona. Questo è il contributo ironico e straziante di Paola Cortellesi, andato in onda nella puntata di Servizio Pubblico il 9 maggio 2013, che interpreta una donna uccisa dal marito e gettata in un pozzo.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cosentino condannato, quando disse: “Io sono la vittima, schifo la camorra”

next
Articolo Successivo

Migranti, revocata confisca hotel di Ficarolo: trovato l’accordo economico

next