Nicola Cosentino, ex sottosegretario all’Economia del governo Berlusconi e coordinatore campano di Forza Italia, è stato condannato a 9 anni di carcere perché riconosciuto colpevole di concorso esterno in associazione camorristica. Accuse che ‘Nick ‘o mericano‘ ha sempre respinto, così come è successo durante l’intervista con Servizio Pubblico andata in onda il 18 gennaio 2013. “Io sono la vittima di un complotto di pentiti, perché – ha detto Cosentino – ho fatto parte di un governo che ha votato tante leggi contro la camorra. Io la camorra la schifo e schifo i camorristi. Io non ho mai avuto la possibilità di difendermi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Internet, drogati dalla Rete e dipendenti da videogiochi: il reportage dalla Cina

next
Articolo Successivo

Violenza donne, monologo Cortellesi: “Uccisa da lui e gettata in un pozzo”

next