Nicola Cosentino, ex sottosegretario all’Economia del governo Berlusconi e coordinatore campano di Forza Italia, è stato condannato a 9 anni di carcere perché riconosciuto colpevole di concorso esterno in associazione camorristica. Accuse che ‘Nick ‘o mericano‘ ha sempre respinto, così come è successo durante l’intervista con Servizio Pubblico andata in onda il 18 gennaio 2013. “Io sono la vittima di un complotto di pentiti, perché – ha detto Cosentino – ho fatto parte di un governo che ha votato tante leggi contro la camorra. Io la camorra la schifo e schifo i camorristi. Io non ho mai avuto la possibilità di difendermi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Internet, drogati dalla Rete e dipendenti da videogiochi: il reportage dalla Cina

next
Articolo Successivo

Violenza donne, monologo Cortellesi: “Uccisa da lui e gettata in un pozzo”

next