Nicola Cosentino, ex sottosegretario all’Economia del governo Berlusconi e coordinatore campano di Forza Italia, è stato condannato a 9 anni di carcere perché riconosciuto colpevole di concorso esterno in associazione camorristica. Accuse che ‘Nick ‘o mericano‘ ha sempre respinto, così come è successo durante l’intervista con Servizio Pubblico andata in onda il 18 gennaio 2013. “Io sono la vittima di un complotto di pentiti, perché – ha detto Cosentino – ho fatto parte di un governo che ha votato tante leggi contro la camorra. Io la camorra la schifo e schifo i camorristi. Io non ho mai avuto la possibilità di difendermi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Internet, drogati dalla Rete e dipendenti da videogiochi: il reportage dalla Cina

prev
Articolo Successivo

Violenza donne, monologo Cortellesi: “Uccisa da lui e gettata in un pozzo”

next