di Tito Borsa

Padova è senza sindaco, Massimo Bitonci è nudo, senza nessuna fascia tricolore a coprire la sua pochezza. In breve: ieri sera 17 consiglieri comunali hanno dato le dimissioni di fronte al notaio e hanno fatto quindi cadere una giunta che non è durata neppure due anni e mezzo. “Sarò il sindaco di tutti”, aveva promesso Bitonci in campagna elettorale nel 2014, e il risultato è sotto gli occhi di tutti. Nemmeno le minacce di Matteo Salvini sono servite: “Se davvero due consiglieri di Forza Italia pensano di mandare a casa il sindaco di Padova Massimo Bitonci vuol dire schierarsi contro tutta la Lega e mettere in discussione le alleanze a ogni livello”, aveva detto ieri. Ora verrà nominato un commissario e poi, probabilmente in primavera, ci saranno nuove elezioni.

Ex sindaco di Cittadella (Comune in provincia di Padova) ed ex senatore e deputato sempre nelle fila della Lega, nel 2014 Massimo Bitonci aveva vinto le amministrative a Padova al ballottaggio contro Ivo Rossi, diventato sindaco quando Flavio Zanonato – di cui era vice – era stato nominato ministro del governo Letta. Lo spauracchio su cui era fondata la campagna elettorale di Bitonci era il “degrado”, a causa del quale Padova non era una città sicura. Dopo due anni e mezzo di liti, provocazioni e ben pochi fatti (basti pensare che l’orgoglio di Bitonci è stata la celeberrima “rotonda a fagiolo”), il triste epilogo è finalmente arrivato. Allergico a ogni forma di contraddittorio e amante della querela, ossessionato dalla sicurezza, dagli immigrati e dai comunisti, frequentatore del poligono di tiro, residente a Cittadella, due anni fa affermò che si sarebbe trasferito a Padova quando la città sarebbe diventata un luogo sicuro per i suoi figli, trasloco mai avvenuto.

Suo nemico giurato, a parte i comunisti e gli immigrati, è il Tar: nel 2014, durante l’emergenza ebola, un’ordinanza del sindaco vieta la “dimora, anche occasionale, presso qualsiasi struttura di accoglienza, per persone prive di regolare documento di identità e di regolare certificato medico rilasciato dalla competente Unità Locale Socio Sanitaria attestante le condizioni sanitarie e l’idoneità a soggiornare”; peccato che Bitonci si dimentichi di istituire delle dogane al confine comunale. Alla fine l’ordinanza viene bocciata dal Tribunale Amministrativo Regionale. Nel 2015 a seguito di un accoltellamento notturno dinanzi a un kebab, impone ai proprietari dell’esercizio (completamente estranei al fatto) un orario di apertura deleterio per i loro affari — dalle 12 alle 14 — perché ritrovo “di persone nullafacenti e/o dedite ad attività sospette, afferenti lo spaccio ed il consumo di stupefacenti, e che tali persone, specie in orario tardo pomeridiano e serale, sono solite aggregarsi e trattenersi nel sottoportico prospiciente l’esercizio”. Anche questa ordinanza viene ghigliottinata dal Tar e il Comune paga.

Cos’hanno in comune lo scrittore Paolo Rumiz, l’ex sindaco di Padova Ivo Rossi, la parlamentare Pd Laura Puppato, il direttore del Fatto.it Peter Gomez e il fotografo Oliviero Toscani? Semplice, sono stati tutti querelati da Bitonci. A parte i giudizi non politici (Rumiz ha definito il sindaco di Padova un “mandriano”, mentre Toscani ha affermato che chi ha votato Lega nel capoluogo veneto è “imbecille e analfabeta”), Bitonci dimostra tutta la sua avversione per il confronto e la discussione nel merito delle sue scelte e delle sue posizioni, quasi non volesse prendersi la responsabilità di quanto afferma o delle scelte che compie, il tutto molto spesso avvalendosi degli avvocati comunali.

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio.

Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Padova, si dimettono i consiglieri: cade il sindaco Bitonci. E la Lega perde la sua città più grande

next
Articolo Successivo

Armi, Parlamento dà l’ok all’acquisto di tank ed elicotteri d’attacco per 1 miliardo

next