“Tagliare il numero dei parlamentari e ridurre i costi della politica sono degli argomenti populisti. Farlo in una sola camera mi pare veramente improprio”. Sono le parole dell’ex presidente della corte costituzionale Valerio Onida a 8 e mezzo su La7, che l’11 ottobre scorso ha presentato un ricorso contro il quesito della riforma costituzionale: “Noi abbiamo bisogna caso mai di aumentare il livello di qualità dei politici, e che assumano funzioni di rappresentanza. Purtroppo non è una riforma costituzionale che può migliorare il livello qualitativo dei politici”. La replica del ministro Maria Elena Boschi non si fa attendere: “Non è demagogia ridure il numero dei parlamentari, ma mantenere un impegno. Noi abbiamo mantenuto la promessa. Il professor Onida già nel ’94, nelle tesi dell’Ulivo parlava di queste proposte e noi lo abbiamo fatto”. “Tagliare in questo modo il Senato lasciando intatto il parlamento è fatto solo per rispondere a quest’ansia di ridurne il numero – ha contro-replicaro Onida -. Ma questo si fa con altri criteri. Se il problema è ridurre i costi della politica, osserverei che questo non è un tema costituzionale perchè la costituzione dice che c’è un’indennità, non dice quanto debba essere”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforme, Luxuria: “Voto Sì, contro le lungaggini della politica”

next
Articolo Successivo

Referendum, Onida vs Pd: “Rischio dittatura? Con premier-segretario eccessiva personalizzazione del potere”

next