Honda Nsx

Quel che lascia davvero di sasso della NSX è la dinamica di marcia: l’auto pesa 18 quintali, non propriamente leggerissima quindi. Eppure, grazie al baricentro più basso fra le concorrenti e ad una sapiente distribuzione dei pesi (42% davanti, 58% dietro), si fionda in curva come pesasse quasi una tonnellata in meno. Il merito di questa agilità e prontezza di risposta nei cambi di direzione è del sofisticato sistema di trazione integrale “Sport Hybrid SH-AWD”: non c’è un albero di trasmissione fisico fra i due assali giacché il 4×4 è figlio del doppio motore elettrico installato all’avantreno. Quest’ultimo, oltre a garantire una motricità assoluta anche su fondi a bassa aderenza, ha funzione di Torque Vectoring: trasferisce più coppia motrice alla ruota esterna alla curva e riduce quella inviata all’interna (la coppia in avanzo va a ricaricare la batteria, che recupera energia anche in frenata). In termini di sensazioni di guida significa che l’auto vanta un anteriore apparentemente senza limiti di aderenza, risulta molto neutra e bilanciata, in grado di garantire velocità di percorrenza davvero elevate. E nella modalità di guida più sportiva lascia anche più libera la coda di allargare la traiettoria e far divertire il suo guidatore con un po’ di sanissimo (e ancora analogico) controsterzo. La capacità frenante è all’altezza del pacchetto, specie con l’impianto con dischi ceramici, offerto in opzione.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kia Optima PHEV Plug-in, la prova del Fatto.it – La coreana ibrida di rappresentanza – FOTO

next
Articolo Successivo

Toyota C-HR, la prova de Il Fatto.it – l’brido glamour si veste da coupé – FOTO

next