Un hashtag, un post e un messaggio al governo. Dopo che il Fatto Quotidiano ha scoperto che l’esecutivo ha inserito nella manovra 60 milioni di euro a favore della Ryder Cup di golf, la questione è diventata politica. Un post del M5s sul blog di Beppe Grillo, infatti, ha ripreso la notizia, chiedendo al governo di destinare quella somma alle vittime del sisma in Centro Italia. “#Nosoldialgolf: diamoli ai terremotati” è il titolo della nota in cui si legge: “Allora è un vizio. Il governo ci tiene così tanto alla Ryder cup che ci riprova e questa volta infila con un codicillo alla fine di una tabella del ministero del Tesoro soldi contanti, cash, denaro sonante, denaro pubblico, s’intende, a favore delle casse della FederGolf“. Il riferimento al vizio governativo è quello relativo alla garanzia di 97 milioni di euro (poi stralciata) inserita nella stessa finanziaria. “Prima avevano inserito ben 97 milioni di euro in Bilancio, come fondi di garanzia per il funzionamento della manifestazione che si terrà nel 2022 sul campo della famiglia Biagiotti a Roma. Poi – continua il post – dopo la scoperta e la denuncia del Movimento 5 Stelle, li hanno ritirati. Anzi, li avevano. Evidentemente – è il parere del blog di Grillo – era uno stanziamento troppo importante per essere cassato, nonostante l’indignazione popolare. E allora ecco che hanno provato a ficcarli in fondo a una delle tante tabelle allegate alla manovra di Bilancio. Ed ecco che, come denuncia Il Fatto, in quattro righe arriva lo stanziamento: ‘5,4 milioni dal 2017 al 2027 per lo svolgimento della Ryder Cup’. Ancora più oneroso per le nostre tasche – continua il post del Movimento 5 Stelle – perché qui non si tratta di una garanzia, ma di soldi veri che vanno a coprire l’edizione italiana più costosa di sempre. Quella del governo Renzi, a questo punto, è proprio malafede. Che questi 60 milioni – è l’appello dei grillini – vengano usati per la sanità pubblica o per il terremoto, invece che per il golf“. Dal Coni, dal governo e dalla FederGolf di Franco Chimenti per ora nessun commento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Leopolda, un Bilderberg in piccolo

next
Articolo Successivo

Roma, fu l’ultima a “tradire” Marino: oggi Leonori è commissario del Formez

next