Gli ambientalisti chiamano la fascia prealpina della provincia di Brescia la “linea Maginot” degli uccelli migratori. E forse non a sproposito. Sì, perché a ridosso delle montagne sono posizionati 7500 capanni da caccia da dove, ogni anno da settembre a gennaio, il popolo delle doppiette scatena una tempesta di piombo contro i volatili. Il Bresciano con i suoi 20mila cacciatori è una delle regioni europee dove la pressione venatoria è più alta e, a detta di molti osservatori, dove la caccia va a braccetto con l’illegalità: dall’abbattimento di specie protette ai metodi utilizzati, spesso vietati, come i richiami elettroacustici. Non è un caso che ogni anno il Noa, il gruppo anti-bracconaggio del Corpo forestale dello Stato, organizzi la cosiddetta “Operazione pettirosso” tesa a colpire il bracconaggio che fa da padrone nelle valli bresciane. “Da una parte c’è una solida tradizione venatoria – spiegano gli agenti forestali – dall’altra un fiorente mercato illegale di pennuti protetti che finisce nei menù di molti ristoranti della zona”. Lo sanno bene al Centro di recupero per animali selvatici Valpredina. La struttura, gestita dal WWF, ogni anno durante la stagione venatoria si riempe di uccelli sparati: soprattutto rapaci anche di grandi dimensioni come falchi e, addirittura, aquile reali. “Siamo come un ospedale da campo in una zona di guerra”  di Lorenzo Galeazzi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Maltempo, tromba d’aria colpisce il nord di Roma: i video dai social

prev
Articolo Successivo

Metro C Roma, progetto esecutivo al ministero anni dopo l’avvio dei cantieri

next