Gustavo Zagrebelsky, presidente onorario del comitato per il No al referendum costituzionale spiega di essere in rapporti epistolari con Renato Brunetta, anche lui per il No, sui temi della Costituzione. “Si può perfettamente andare d’accordo sul quadro – ha detto il costituzionalista, ospite del congresso nazionale di Magistratura democratica in corso a Bologna – ed essere divisi sugli elementi politici quotidiani che dovranno riempire politicamente quel quadro”. Il giurista fa quindi una “confessione” alla platea: “Da quando c’è questa cosa in campo (la campagna referendaria, ndr) intrattengo ottimi rapporti con Brunetta. E in questi rapporti epistolari preciso sempre che, quando si parla di questioni politiche quotidiane, probabilmente nel 99 per cento dei casi non saremmo d’accordo. Ma sulla Costituzione si può andare d’accordo, è un’altra cosa, è su un altro piano”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforme, Zagrebelsky: “Paese mai così diviso, neppure nel referendum tra monarchia e Repubblica”

next
Articolo Successivo

Referendum, Renzi alla Leopolda: “Derby tra cinismo e speranza. Non tra due Italie, ma tra due gruppi dirigenti”

next