La Consob di Giuseppe Vegas perde un commissario. Il consigliere di Stato Paolo Troiano, che era in carica dal gennaio 2011, ha dato le dimissioni dall’incarico e la commissione, giovedì, le ha accolte. Stando alla nota diffusa da Consob, Troiano ha motivato la decisione con “ragioni personali connesse al desiderio di riprendere la propria attività di magistrato amministrativo“. Il suo mandato sarebbe scaduto il 14 dicembre 2017.

Restano dunque in carica, accanto a Vegas, solo Carmine Di Noia e Giuseppe Maria Berruti, l’accademico e il magistrato nominati dal governo Renzi lo scorso dicembre dopo anni in cui l’ex braccio destro di Giulio Tremonti aveva retto la commissione da padrone assoluto. Il suo voto, infatti, vale doppio in caso di parità, per cui poteva far passare qualsiasi decisione anche in caso di contrarietà di Troiano.

La scorsa settimana intanto la commissione ha prorogato di 18 mesi, fino all’11 luglio 2019, il mandato del direttore generale Angelo Apponi, nominato a gennaio 2015 dopo le dimissioni di Gaetano Caputi. Il nome di Apponi, da trent’anni in Consob e dal 2011 a capo della divisione Informazioni emittenti, era emerso nelle carte dell’inchiesta della Procura di Milano su Unipol-Fonsai in merito ai rapporti privilegiati dell’authority con un dirigente di Mediobanca, Stefano Vincenzi, definito dai pm il “plenipotenziario” di Piazzetta Cuccia “nella definizione della sorte del gruppo Fondiaria”. La commissione ha anche rinnovato, sempre fino a luglio 2019, l’incarico del vice direttore generale Giuseppe D’Agostino.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Veneto Banca, istruttoria Antitrust sui prestiti e mutui agevolati in cambio dell’acquisto di azioni: “Pratica scorretta”

next
Articolo Successivo

Crescita, Istat: “Nessuna prospettiva di accelerazione dell’economia negli ultimi mesi dell’anno”

next