“Avevo una bella casa e un ottimo lavoro, eppure sentivo che mi mancava sempre qualcosa”. Queste parole arrivano direttamente da Fuerteventura, la isla lenta delle Canarie. A pronunciarle è Laura Carbone, 44 anni, nata e cresciuta a Genova. “Dopo il diploma ho iniziato a lavorare come tour operator, ma dopo aver vinto un concorso in banca ho lasciato a malincuore quel posto per un impiego più stabile”, racconta a ilfattoquotidiano.it. Il nuovo stile di vita, però, proprio non le andava giù: “Io e il mio ex marito eravamo sempre insoddisfatti, così abbiamo preso una lunga aspettativa e siamo andati prima a Capo Verde e poi in Brasile”, racconta.

Al ritorno, però, le cose non si erano sistemate: “Abbiamo deciso di separarci e quell’esperienza mi ha permesso di capire che se non sei tu a cambiare radicalmente, il tuo malessere ti segue anche in capo al mondo”, spiega. Laura ammette che in quel periodo non era facile starle accanto: “Seguivo la religione del ‘mugugno genovese’ e mi facevo profezie autodistruttive”, ricorda. A un certo punto, però, decide di rimboccarsi le maniche e di provare a cambiare la sua vita: “Ho fatto uno studio sulle possibilità di lasciare il mio lavoro – racconta -, ho iniziato a risparmiare il più possibile, con l’obiettivo di trasferirmi in Provenza entro cinque anni per gestire un bed&breakfast”.

“Seguivo la religione del ‘mugugno genovese’ e mi facevo profezie autodistruttive. Allora ho fatto uno studio sulle possibilità di lasciare il mio lavoro”

A volte, però, la vita ci mette lo zampino e scombina tutti i piani: “In quel periodo ho incontrato il mio attuale marito e ho scoperto che anche lui condivideva la mia stessa voglia di cambiamento”, ricorda. Il loro piano B arriva dopo un viaggio a Fuerteventura: “Ci siamo innamorati di quest’isola e al nostro ritorno abbiamo cominciato a fare un conto serio delle nostre disponibilità economiche”, sottolinea. Infatti, come Laura racconta spesso sul suo blog, partire all’arrembaggio può rivelarsi un grave errore: “Nessuno può avere la presunzione di conoscere un luogo nuovo – spiega -, io e il mio compagno siamo partiti da zero, studiando bene lo spagnolo e cercando di risolvere da soli tutte le questioni burocratiche”. Il segreto è la gentilezza: “Se sei educato, riesci a cavartela in ogni situazione – ammette -, ma purtroppo molti italiani che si trasferiscono qui si portano dietro anche la loro arroganza”.

Già, perché negli ultimi anni sono sempre più numerosi i nostri connazionali che decidono di tentare la fortuna nell’isola spagnola: “Appena arrivano comprano casa o, peggio, un’attività – racconta -, s’improvvisano ristoratori senza mai esserlo stati e nel giro di pochi mesi sono costretti a chiudere. In questi tre anni a Fuerteventura ho visto almeno venti persone l’anno rovinarsi in questo modo, buttando via tutti i risparmi di una vita”, ammette.

“Tanti italiani s’improvvisano ristoratori senza mai esserlo stati e nel giro di pochi mesi sono costretti a chiudere”

Come Laura scrive anche nel suo libro, “C.V. – Metodo per Cambiare Vita in modo intelligente”, un taglio drastico non si addice a tutti: “Se sei abituato a ricevere lo stipendio ogni 27 del mese, devi essere ben consapevole che se fai una scelta di questo tipo non avrai più sicurezze economiche”, ricorda. Ma, soldi a parte, la vita in infradito non fa per tutti: “Esiste una categoria di persone che viene a Fuerteventura e può permettersi di non lavorare – spiega -, quando arrivano dicono che vogliono staccare la spina e dimenticarsi dell’Italia, ma spesso dopo tre mesi danno le testate al muro perché sentono la mancanza del loro lavoro”.

Prima di fare le valigie e imbarcarsi in un’avventura di questo tipo, è meglio fermarsi a riflettere: “Tutti sanno quello che non vogliono, ma quanti sanno quello che vogliono? – si chiede Laura -. Ecco, io a queste persone consiglio solo una cosa: non prendete l’aereo finché non siete davvero sicuri di quello che volete”. Lei, invece, nell’isola spagnola ha trovato la sua dimensione ideale: “Quando ero in Italia, mi svegliavo la mattina e sentivo lo stomaco nelle tonsille – ricorda -, qui invece ho riscoperto il valore del tempo e della solitudine”. E ha imparato molti nuovi mestieri: “Mi dedico alla scrittura, alla cucina e gestisco un piccolo appartamento su Airbnb che io e mio marito abbiamo acquistato qui”, racconta. Ogni mattina, però, ha un appuntamento fisso: “Faccio una lunga passeggiata verso il mare e, a seconda delle onde, faccio il bagno o resto semplicemente a guardarlo – spiega -. Non ci si può far niente, è sempre lui che decide”.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Halloween, dalla Lombardia alla Sicilia veglie di preghiera e costumi da Gesù contro la notte delle streghe – FOTO

next
Articolo Successivo

Matrimonio e adulterio, due facce di una stessa medaglia

next