Polemica serrata a Otto e Mezzo (La7) tra il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, e l’architetto Massimiliano Fuksas sulla sua controversa opera, la Nuvola dell’Eur. Il giornalista cita gli esosi costi relativi inaugurazione del nuovo Centro Congressi capitolino, a cui sabato prossimo presenzierà Renzi e che sarà trasmessa in diretta su Rai Uno dalle 18.30 alle 20.00. “Questo grande evento tv rischia di essere un gigantesco spot per il SI’ al referendum” – osserva Scanzi – “E costa un milione di euro, come sostiene Fabio Rampelli (deputato di Fdi e componente della Commissione di Vigilanza Rai, ndr)”. “Che Il Fatto si riferisca a Rampelli mi pare proprio strano”, ironizza Fuksas. “E purtroppo esiste anche lui, mica scelgo io l’opposizione” – replica il giornalista – “c’è un governo e c’è un’opposizione”. “Ma guardi che io non sono governativo, è la prima volta che me lo dicono“, ribatte l’architetto. “Ne prendo atto” – risponde Scanzi – “ma in ogni intervista celebra Renzi, come se fosse l’unico salvatore della patria“. Scanzi poi analizza le ragioni per cui l’opera di Fuksas è così contestata, a cominciare dai costi: “Fuksas dice che è costata 239 milioni di euro, ma alla Commissione Bilancio il sottosegretario all’Economia De Micheli, che non è grillina ma del Pd, ha parlato di 467 milioni di euro. Dal 2006 questo progetto è diventato interamente pubblico” – continua – “e la Corte dei Conti qualche anno fa ha sollevato perplessità sulla cifra. Il signor Fuksas, che parla tanto con questi toni popolari e democratici, all’epoca prese per il progetto 19,9 milioni di euro, che poi sarebbero diventati 24 o addirittura 25. Tenendo conto che sono soldi pubblici, sulla Nuvola qualche dubbio noi umili cittadini possiamo averlo?“. Fuksas difende la sua verità e si rende protagonista di un altro battibecco con Scanzi, che chiama erroneamente “Scalzi”. “Le chiedo solo di chiamarmi col cognome giusto” – replica il giornalista – “altrimenti la chiamo Fuffas

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Frigogate, anche Meloni sfotte Raggi: “Stamane stavo investendo uno di quegli elettrodomestici”

next
Articolo Successivo

Tg Porco, Sabina Guzzanti veste i panni di Lucia Annunziata per affrontare Matteo Renzi

next