Bagarre durante Omnibus (La7) tra il deputato M5S, Danilo Toninelli, e il capogruppo alla Camera dei deputati di Area Popolare, Maurizio Lupi. Il confronto tra i due politici verte sulla proposta di legge del M5S sul taglio degli stipendi dei parlamentari e sul referendum. Il battibecco inizia con l’accusa di Toninelli: “Ma con che faccia dice queste cose sul dimezzamento degli stipendi? Si rende conto del modo in cui le persone che la ascoltano la possono giudicare?”. Lupi sbotta: “La faccia, mia o sua, con cui ci presentiamo agli elettori ha un solo parametro: la credibilità”. “E allora perché ha votato contro?”, chiede il deputato pentastellato. Si accendono gli animi e il parlamentare di Ap ribatte: “Facciamo un patto io e lei: se vuole che litighiamo o che facciamo lo show, sappia che io sono molto più bravo di lei nello show“. “No, non lo voglio io lo show”, protesta invano la conduttrice Alessandra Sardoni, che a stento placa la polemica. “Al M5S non frega assolutamente nulla di dimezzare gli stipendi“, accusa Lupi. Toninelli scoppia a ridere e l’ex ministro si infuria. La situazione deflagra quando Lupi, nel criticare le ragioni del NO al referendum, accusa Toninelli di ‘dire bugie e balle’. “Lei ci dia le ragioni del SI'”- rimprovera Sardoni – “Qui ognuno fa il suo mestiere”. “Io non mi faccio dare del bugiardo“, ribatte il deputato M5S. “Lei mi ha detto che sono un signore” – replica a Lupi – “e grazie a Dio la mia faccia è da signore. Lei stia zitto e mi ascolti“. “Ma che vi è successo stamattina?”, si lamenta la conduttrice che, inascoltata nei suoi appelli alla calma, interrompe lo scontro, dando la pubblicità

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Manovra, Travaglio: “Equitalia cambia nome per fare stesse cose. Fu Renzi a mettergli i denti da vampiro”

prev
Articolo Successivo

Manovra, economista Seminerio vs Migliore (Pd): “Lei ha grosse lacune su spesa pubblica”. “Sì, professore”

next