Una scossa di terremoto è stata avvertita distintamente a Firenze e in provincia intorno alle 18.55. Secondo le prime informazioni sono state tante le telefonate ai vigili del fuoco ma non risulterebbero danni. La prima scossa di magnitudo 2.2 è stata avvertita alle 18.51; la seconda, più forte, due minuti più tardi, è stata di magnitudo 3.9. Verifiche sono in corso nei musei fiorentini, ma finora non si segnalano danni.

L’epicentro del sisma delle ore 18.53 è stato registrato a nove chilometri di profondità, in località Pesciola a Castelfiorentino (Firenze). Un’altra scossa più lieve era stata avvertita dai sismografi a 11 chilometri di profondità due minuti prima, di magnitudo 2.2. I vigili del fuoco hanno ricevuto molte chiamate e dal comando provinciale di Firenze è stata inviata una squadra a fare una ricognizione precauzionale. “Evento sismico avvertito molto bene”, conferma sul proprio profilo Facebook Paolo Masetti, sindaco delegato alla Protezione Civile dell’Unione dei Comuni Empolese Valdelsa.

Il sisma ha provocato rallentamenti, con ritardi fino a un’ora e qualche cancellazione di treni regionali, sulla linea ferroviaria Empoli-Siena. Secondo quanto spiega Ferrovie dello Stato i problemi si sono registrati a causa del danneggiamento di alcuni impianti elettrici in località Granaiolo, nel comune di Empoli (Firenze). I tecnici delle Ferrovie, poco dopo le 20.00, sono riusciti a sistemare gli impianti e la circolazione dei treni è tornata alla normalità. Qualche problema è stato registrato anche ad alcuni passaggi a livello che sono andati in tilt sempre per il problema a Granaiolo.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gorino, parlano tre delle profughe respinte: “Ci hanno mandate via perché non conoscono le nostre storie”

prev
Articolo Successivo

Gorino, il parroco: “Chi sono io per giudicare? Nessuno ha avvisato per tempo. Qui mancano i servizi”

next