Come nasce un’inchiesta giornalistica? Qual è il metodo migliore per svilupparla? Qual è il modo migliore di scriverla? Sono domande che mi sono posto molte volte in questi anni. Sono giunto alla conclusione che non esiste un’unica risposta. Anzi. Il metodo migliore è quello di eliminare ogni pregiudizio e convincersi che esiste una risposta diversa per ogni singola inchiesta.
È il bello del giornalismo: ogni storia è unica e nella sua unicità deve essere considerata, analizzata, sviluppata.

Sabato 22 ottobre, nel corso della scuola di formazione Emiliano Liuzzi, a Roma, spiegherò qual è il mio modo di lavorare a un’inchiesta, durante il corso “Fonti incrociate, documenti e cronaca giudiziaria. I tipi di inchiesta e gli strumenti del giornalista investigativo”. Ho suddiviso il programma in tre punti. L’inchiesta giornalistica, l’inchiesta giudiziaria, l’inchiesta da infiltrato. E per ogni punto spiegherò passo dopo passo come ho costruito tre inchieste che il Fatto Quotidiano ha pubblicato in questi anni.

1. Un’inchiesta giornalistica: Posteleaks – la rete di spionaggio interna a Poste Italiane che consentiva all’azienda di truccare i dati sulla tempistica delle consegne. Racconterò come è nata l’inchiesta, come s’è costruito e sviluppato il rapporto con le prime fonti – che resteranno ovviamente coperte dall’anonimato – e come il Fatto è entrato in possesso dei primi documenti. L’inchiesta è durata più di un anno: dopo le rivelazioni del Fatto e una denuncia in procura, su questa vicenda è stato aperto un fascicolo e l’indagine è ancora in corso. È intervenuto il Garante per la privacy. Poste Italiane ha dovuto ammettere le proprie responsabilità e ha avviato centinaia di procedure disciplinari.

2. Un’inchiesta giudiziaria: il caso Eni a Potenza e lo scandalo che ha portato alle dimissioni del ministro Guidi. Anche quando da cronisti seguiamo un’inchiesta giudiziaria siamo nelle condizioni di diventare soggetti attivi nella ricerca delle notizie. L’idea che i cronisti di giudiziaria si dedichino soltanto a pubblicare verbali di interrogatorio o intercettazioni non è corretta. Non lo è per tutti, almeno. Il lato più divertente di un’inchiesta giudiziaria sta nel fatto che, questa volta, si parte da un patrimonio investigativo già acquisito. Va compreso, analizzato e sviluppato. In questo secondo punto, quindi, ci occuperemo dell’analisi e dell’utilizzo degli atti giudiziari; dei rapporti con le fonti istituzionali e con quelle esterne all’indagine. L’inchiesta nell’inchiesta: ricerca e verifica di notizie che non sono presenti negli atti giudiziari. Tra gli obiettivi di un cronista investigativo c’è sempre quello di scoprire qualcosa che la procura e gli investigatori ancora non conoscono. Nell’indagine in questione, il Fatto Quotidiano individua un testimone, la procura di Potenza acquisisce gli articoli e lo convoca per interrogarlo.

3. L’inchiesta da infiltrato: la rotta balcanica seguita dai rifugiati. Nel settembre 2015 il Fatto Quotidiano è stato l’unico giornale italiano a entrare nel centro di smistamento per rifugiati di Tovarnik, in Croazia, per documentarne le condizioni di vita e di transito. Per riuscirci ho finto di essere un rifugiato afgano e ho viaggiato per due settimane da Salonicco a Berlino. Non è stato semplice, ma è stato bellissimo. Proverò a spiegare il perché.

Per informazioni e iscrizioni, trovate tutte le informazioni qui.

Se avete dubbi o richieste, scrivete a [email protected]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corsi di giornalismo de Il Fatto Quotidiano, si parte. Così si costruisce un’inchiesta

prev
Articolo Successivo

Agcom, in tv troppo Renzi e troppo governo. Richiamo a Rai, Mediaset, Sky e La7

next