Siamo pronti: si parte, sabato 22 ottobre iniziano i nuovi corsi della scuola di formazione “Emiliano Liuzzi”. E cominciamo col botto: due corsi del percorso giornalismo d’inchiesta con due delle firme di punta del Fatto.

La prima lezione è affidata a Primo Di Nicola, veterano del giornalismo di inchiesta, temutissimo curatore per anni della rubrica Riservato sull’Espresso e oggi a capo della squadra che rifornisce di scoop la sezione de ilfattoquotidiano.itPalazzi e Potere”.

Primo è stato tra i relatori più apprezzati dell’edizione primaverile della scuola e torna ora con un corso fondamentale, che combina le lezioni apprese durante la sua lunga carriera con suggerimenti molto operativi. Dal grande tema del segreto professionale al passaggio dalla mera copertura dell’attualità all’approfondimento fino a come si costruisce un archivio efficace.

Ci sarà spazio anche per due case studies interessanti: il caso Leone, l’inchiesta che ha portato alle dimissioni del presidente della Repubblica e che Primo ha seguito, dandole basi e sostanza, e il suo lavoro sui segreti dei vitalizi dei parlamentari.

Nel pomeriggio poi il corso sarà tenuto da Antonio Massari, inviato del Fatto autore di molti degli scoop più importanti realizzati dal nostro giornale. Antonio introdurrà i partecipanti al corso al suo metodo di lavoro: come si costruisce un’inchiesta, l’incrocio delle fonti, il lavoro sui documenti, il rapporto con le autorità giudiziarie.

Per dare concretezza al tutto, spiegherà come ha applicato questo metodo in una sua serie recente di articoli che hanno fatto scalpore: dai controlli di qualità truccati dentro Poste Italiane, all’inchiesta sul possibile complotto per rovesciare l’amministratore delegato dell’Eni ai rapporti tra ministero dello Sviluppo Economico e lobbisti che hanno portato alle dimissioni Federica Guidi.

I due corsi rientrano nel percorso di “giornalismo di inchiesta” che è la grande novità di questa edizione. Vi ricordo come funziona: potete acquistare la singola lezione oppure una delle formule a pacchetti a prezzo scontato (poi dovete inviarci a [email protected] la lista dei corsi che intendete frequentare).

Se comprate il pacchetto da sei corsi o l’intero percorso di giornalismo di inchiesta, potete passare dalla teoria alla pratica: ci dovete mandare a [email protected] il vostro curriculum, noi vi dividiamo in gruppi e vi assegniamo un tema e un tutor tra i giornalisti di inchiesta del Fatto Quotidiano. Al termine, le inchieste migliori verranno pubblicate sul Fatto.

Vi aspettiamo, c’è ancora qualche posto libero.

E se avete dubbi e domande, la mail è sempre [email protected]. Se però volete capire date, orari, logistica e prezzi, controllate prima la pagina apposita che è qui.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Report: “Bagno personale nell’ufficio alle Poste”. Alfano junior prova a bloccare il servizio. Gabanelli: “Andrà in onda”

prev
Articolo Successivo

Corsi di giornalismo del Fatto, vi spiego come sono nate le mie inchieste

next